PiasentiniFrancesco Piasentini è liutaio in Padova dal 2001, anno in cui consegue il diploma come Operatore di Liuteria presso la Scuola Internazionale di Liuteria di Cremona.

Nello stesso anno consegue la laurea in Ingegneria dei Materiali presso l’Università degli studi di Padova, con una tesi dal titolo “Qualificazione dei materiali per tavole armoniche in liuteria”. La sintesi di questa lavoro di ricerca verrà presentata al convegno ISMA 2001 (International Symposium on Musical Acoustics) e pubblicata nel 2002 nel CAS Journal (Catgut Acoustical Society Journal).

Fino al 2006 alterna la costruzione di violini e viole con le attività di ricerca e docenza presso le università di Padova e Ferrara, prendendo il titolo di dottore di ricerca in Ingegneria Metallurgica (Università di Padova, XVII° ciclo). Perfeziona il metodo classico di costruzione degli strumenti ad arco della scuola cremonese presso il laboratorio di Min Sung Kim, M° liutaio premiato in numerosi concorsi internazionali e suo compagno di corso a Cremona.

Nel 2006 la svolta. Decide di dedicarsi completamente alla liuteria, ed entra pochi mesi dopo a far parte dello staff dell’Atelier Lazzaro, collaborando con Giovanni Lazzaro ed Alberto Cassutti nella costruzione, riparazione, messa a punto e restauro di strumenti ad arco della famiglia del violino e delle viole da gamba. Negli anni matura una solida esperienza nel campo del restauro, operando su strumenti dei Maestri Italiani del Novecento (Fagnola, Pareschi, Pollastri, Rocca, etc.) e su opere di Don Nicola Amati, Gasparo da Salò, Klotz, Michele Deconet. Frequenta i corsi di perfezionamento della scuola di liuteria Parmense, nonché workshop e seminari di approfondimento di tecniche avanzate di restauro ed il set-up acustico. Diventa responsabile delle attività di restauro e di ricerca e sviluppo dell’Atelier.

Nel 2014 inizia l’attività di consulenza nel campo della Tomografia e Microtomografia ai raggi X in collaborazione con la TEC-Eurolab di Modena, azienda leader nel settore dei controlli non distruttivi per l’industria. Inizia un’attività di ricerca in sinergia con l’Università degli studi di Padova per la definizione delle condizioni ottimali di esecuzione della tomografia industriale applicata agli strumenti musicali.

Diventa libero professionista nel 2015. Nel suo studio si dedica alla costruzione di strumenti ad arco seguendo uno stile personale, ispirato ai grandi maestri della liuteria veneziana come Domenico Montagnana e Matteo Goffriller.

Dice del suo lavoro

“I miei strumenti nascono dalla passione per il legno. Dal piacere paziente di accogliere ogni sua minima irregolarità, plasmare il suo carattere in forme e proporzioni armoniche.”

“Occorre con molta umiltà lasciarsi ispirare dal lavoro dei grandi maestri, rimanendo ugualmente presenti e fedeli a se stessi.”

“Ho la fortuna di vivere in una città meravigliosa e ricca di storia quale è Padova, culla di personalità artistiche come Bartolomeo Cristofori e Giuseppe Tartini”

“La mia curiosità mi ha spinto ad utilizzare tecniche di indagine innovative come la CT-scan, per poter scrutare ogni dettaglio delle creazioni dei grandi maestri. Anche da prospettive inedite. Queste osservazioni diventano parte del mio bagaglio personale, e materia prima di condivisione con la comunità degli appassionati di liuteria.”